giovedì 4 agosto 2016

VACANZE ESTIVE : VALLE DI SAVIORE

Il 27 e il 28 di Luglio sono andato in vacanza con i ragazzi e gli educatori della Cooperativa Azzura a Valle di Saviore presso il rifugio "Amici della natura" .
Nei 2 giorni che ho trascorso la ho imparato molte cose interessanti di cui non ho mai prestato molto interesse; la nostra guida turistica (Italo ) ci ha spiegato la cultura,lo stile di vita e la religione degli indiani del Lakhota venuti qui da noi molti anni fa, il primo giorno abbiamo fatto una camminata abbastanza lunga ed impegnativa per andare a visitare un luogo che per gli indiani era sacro (un muro di pietra in mezzo al bosco che per gli indiani era sacro perché per loro era il collegamento tra gli esseri umani e tutte le cose viventi), abbiamo scoperto come gli indiani consideravano i punti cardinali  dall' ovest venivano le pioggie, i temporali e le nevicate, dall' sud proveniva il grande gigante bianco (una specie di divinità indiana) , dal nord non si è mai scoperto nulla perché è sconosciuto e dall' est proveniva la luce e la speranza (perché a est sorge il sole) .
Lo stesso giorno Italo ci ha spiegato le proprietà mediche e curative delle piante (in pratica una lezione di botanica); c'è una pianta chiamata iperico ha l'aspetto di fiori gialli che se ne viene raccolta una bella manciata,messi in un barattolo, lasciati al buio per 15 ed altri 21 al sole questi fiori si trasformano iu un olio rosso che ha come effetto curativo/benefico quello di poter curare le emozioni negative (tristezza,malumore,depressione) ed è molto efficace per l'abbronzatura; altra pianta è l'aquillea dei fiori bianchi che se ridotti sotto forma di tisana fa bene al cuore e alla circolazione, poi c'è un altra pianta (mi sfugge il nome) ma ha più o meno la forma del pino ma più sottile e questa pianta è il motivo delle dimensioni enormi dei dinosauri ( perché questa pianta che è una delle più antiche del mondo e c'è tuttora contiene un enzima che faceva crescere le ossa ai dinosauri ogni volta che la mangiavano)un altra pianta vista è lo stramonio meglio conosciuta come "l'erba del diavolo" questa è la pianta più velenosa del mondo se la si tocca in 24-48 ore si muore di una morte atroce ( pian piano tutti gli organi del corpo smettono di funzionare e gli ultimi organi a spegnersi sono il cervello e il cuore).
Il secondo giorno il 28 invece siamo sempre andati a camminare per i boschi e abbiamo imparato un metodo che utilizzavano gli indiani per non avere caldo cioè bere un pò d'acqua e lasciarla in bocca senza ingoiarla in questo modo il nostro corpo è sempre fresco e ci permette di camminare più facilmente col caldo ( prima di sputare fuori l'acqua io ho resistito più di mezz'ora); poi Italo ci ha mostrato le Coppelle  delle grosse rocce piene di buchi che per gli indiani rappresentavano gli elementi naturali e dopo siamo andati a vedere dei formicai di formiche rufe e abbiamo scoperto che quando le formiche si sentono minacciate rilasciano una sostanza che è il loro veleno ma in realtà è acido formico che abbiamo saputo aiuta la respirazione ed è una droga naturale legale ( io ho cercato innumerevoli volte di farmi spruzzare l'acido formico ma mannaggia alla morte niente !!!); il pomeriggio invece abbiamo provato a costruire un acchiappasogni con risultati scandalosi per tutti quanti dopodichè abbiamo preparato gli zaini preso tutte le nostre cose e siamo tornati a casa felicissimi emotivamente di questa bellissima esperienza che mi ha insegnato per un momento a trovare la pace interiore e ha rilassare lo spirito.
Invece dal punto di vista sociale essendo andati la per 2 giorni ovviamente siamo rimasti a dormire, i letti erano enormi e per forza abbiamo dovuto sistemarceli da noi ( io sono totalmente negato per fare i letti giuro), i letti erano a castello è la sfiga ha voluto che io dormissi nel letto inferiore( anche a casa mia dormo in un letto a castello con mio fratello maggiore e dormo nel letto inferiore ma se il destino ha voluto cosi che ci posso fare ?) oltre a me nel letto inferiore c'erano anche Silvano S. e Giuseppe A. , il primo invece di dormire tranquillamente leggeva e l'altro nel cuore della notte russava come un treno merci a piena potenza ( avrei voluto dargli un calcio ma non ne avevo la forza); il primo giorno la sera abbiamo mangiato strinù con polenta e formaggio fuso e per colmare un vuoto nel mio cuore c'era anche una bottiglia di vino rosso, durante la cena è successo che Giuseppe A. mentre cucinava gli strinù in un barbecue sembra abbia intenzionalmente/accidentalmente lasciato prendere fuoco ad un pezzo di carta col formaggio ed il pezzo di carta sia andato a finire su un barilotto di grasso è questo a scatenato un piccolo incendio che fortunatamente siamo riusciti a spegnere senza riportare vittime .
oltre a noi nel rifugio c'erano altre persone ei abbiamo avuto il grande onore di avere come coinquilini un monaco tibetano venuto qui per vacanza che ci ha detto di aver conosciuto di persona IL DALAI LAMA ed una coppia sposata di signori provenienti dal NORD AMERICA ( dalla California per la precisione) e con questi signori io ho avuto il privilegio di parlare liberamente in inglese e mi hanno fatto addirittura i complimenti per come lo parlavo; sempre durante la sera del primo giorno prima di andare a dormire abbiamo suonato gli strumenti musicali  indiani (tamburi con le bacchette apposta ) e abbiamo cantato canzoni indiane melodiose e profonde che hanno secondo me rafforzato il nostro spirito ed i nostri sensi .
Per riassumere tutto quello che abbiamo fatto in questi giorni devo dire che è stata un esperienza molto utile perchè mi ha permesso di conoscere il modo di vivere di una civiltà antica spiritualmente e naturalmente migliore di quanto noi siamo adesso e di scoprire cose che non mi sono mai interessato più di tanto ma che poi ho apprezzato .

FINE

BENTORNATA ELISA

DOPO UN BRUTTO INCIDENTE SEI TORNATA A CASA.
UN GIORNO QUANDO AVRO' TEMPO VERRO' A TROVARTI CON UN'AMICA.
CIAO A PRESTO
SIMONE CAMOSSI
http://www.teleboario.it/video/20160803_elisa_trotti_dopo_incidente_TG_WEB.mp4.jpg

Un mercoledì con cristian

mercoledi, è arrivato Cristian a prendermi e siamo andati al polia e abbiamo mangiato i pizzoccheri e gli hamburgher e cristian l,insalata e l,acqua e cristian la birra.
roberta
http://www.buonissimo.org/archive/borg/73ZqM5uw8D%252B3MtcV7PuMgCyC4Pr%252FDeQDI0rnZ%252B4niFQIdg0dFo7UKQ%253D%253D

PAUL BAKOLO NGOI COLPO DI TESTA

Montecchio  4 Agosto  2016  Giovedì

Il protagonista  All'inizio  ruba una banana al mercato  e viene  messo al carcere minorile .  Un giorno  sfida  i ragazzi del quartiere  e dopo però perdono  i ragazzi della prigione . Un giorno  passa da li  un allenatore  e lo compra  per farlo  giocare in una squadra .  Il protagonista diventa  un campione  di calcio  e  però  non è  bravo  alle lezioni  di ogni  materia  ma a parte questo  gli manca  gli suoi  che sono  dell'Africa  e  allora  gli scrive  un papiro  alla  sua  famiglia  e come sta  e poi gioca  molto  a calcio  e diventa  famoso.
Ciao da Silvano  e dai ragazzi del s.e.t .
Buone vacanze dai ragazzi del S.E.T.

Risultati immagini per paul bakolo ngoi colpo di testa

venerdì 29 luglio 2016

Poesia a Luca Martinelli

Luca è un bel uomo tipo mangia tanti gelati e anche tre pizze lavora in un stabilimento dove fanno i tubi per stirare.

Giovanni
http://e0.365dm.com/16/06/768x432/wayne-rooney-england_3476837.jpg?20160601145908

Pronti per il mare?

...via!
(anche se manca poco meno di un mese...)

Domenica

Domenica tutti insieme siamo andati alle 4 a Boario al bar a mangiare il gelato e mi sono divertito molto verso le 5 siamo ritornati in comunità.
Gianbattista
http://www.giovannimancini.com/wp-content/uploads/2014/01/toto-peppino.jpg

martedì 26 luglio 2016

MARCQ VARVELLO DIMENTICA LE MILLE E UNA NOTTE ( STORIA VERA )

Montecchio 26  Luglio  2016  Martedì

La protagonista deve  sposare  un uomo e lei  è piccolissima  ma la  sua   famiglia   la vuole  far  fargli  un matrimonio combinato ,  e  lei scappa   quando sono  al funerale  di qualcuno  e ne approfitta.  Cosi  non è  più costretta  a sposarsi  e vive in un posto  segreto  che non lo dicono nel libro . A pensato  di scrivere  il libro  e di intitolarlo cosi il giornalista  Marcq Varvello  direttore  del tg1.
Questo è quello che mi ricordo .
Ciao  da  Silvano  e dai  ragazzi  del S.E.T.
Risultati immagini per MARCO VARVELLO DIMENTICA LE MILLE E UNA NOTTE

giovedì 21 luglio 2016

amici di Sovere

21/7/2016 amici di sovere
Un' anno fa Sono andato a trovare degli amici di Sovere era il 20/11/2015, eravamo io Federico, la mia mamma e il mio papà.
E dopo e arrivata anche la mia sorella, insieme alle mie nipotine  e il mio nipote e con il marito.
Siamo andati prima dalla figlia in casa sua, c'era anche il suo marito e dopo tutti insieme siamo andati a casa dei suoi genitori a mangiare.
Dopo mangiato sono andato a carezzare i coniglietti piccoli, ma anche quelli grandi e anche qulche coccola.
Federico

 

Pippi calze lunghe

21/7/2016 Pippi calze lunghe
Io una volta vedevo il film che si chiamava Pippi calze lunghe, parlava di una ragazza senza i genitori praticamente viveva da sola.
Ha come amici un cavallo e una scimmietta, e un maschio e una femmina di un'altra famiglia.
Ha un papà che e sempre ingiro con la nave non ha una mamma, qualche volta arriva la sua zia per portarla via dalla casa.
Ma lei non lascia la sua casa ha anche delle monete, quelle sono d'oro che le protegge per molto tempo.
Federico

cosa dice Bloomsventers ai suoi pirati dopo che pippi calzelunghe gli ha preso l'oro

Avevavamo l'oro e celo siamo fato rubare per un libro e una sciabola  uuur che rabbia   razza di cretini.
yoche  mi sarebbe piaciuto fare lorologiaio
bloomsventer  ma se non riesci a invitare le viti del tuo cervello  tu dovevi far il guardiano di porci cretino .
questo è il discorso breve che bloomsvente dice a Merseyoche e ai suoi pirati.






ciao da Silvano

visita alla chiesa di S. Maria di Esine

Mercoledì  20 Luglio  siamo stati a visitare  la chiesa di S. Maria  a Esine ,  ci ha accompagnato  come guida  la prof. Magda Stofler   che ci ha  spiegato il valore  di questa  chiesa  e dei suoi affreschi .
Questa chiesa è  una delle più importanti  non solo della val Grigna , e della provincia di Brescia  ma addirittura  di tutta L'Italia . Gli affreschi  sono stati  realizzati totalmente  dal pittore Giovanni Pietro Da Cemmo ( pittore  camuno ) che verso la fine del 400 è stato  incaricato  dalla ricchissima famiglia Federici . I lavori sono durati  circa tre anni . Il  Presbiterio a volta e a ombrello  ci sono affreschi del Pantocratore che si gnifica CREATORE DI TUTTO  . Il Pantocratore  che creò tutto  è circondato  da ben 72 figure  che sembrano camminare  e guardare  questo significa che stava nascendo il Rinascimento.  Ci sono colori ottimi  e il pittore è veramente bravo e importante . Questa chiesa  è stata interamente finanziata  dalla  famiglia Federici  , e infatti  al suo  interno si può notare il loro stemma affrescato , poi ancora 72 personaggi , 22 Madonne , 45 santi  più un sacco di altre  immagini  tutte realizzate a mano   ripetiamo che la chiesa è monumento importante . Secondo i ragazzi della azzurra sono stati  proprio coinvolti  dalla guida  anche perchè non conoscendo bene l'arte antica erano molto interessanti  facendo alla professoressa molte domande  . Visitate perchè è verramente    interessante.  vogliamo ringraziare  la professoressa   per il suo tempo a noi dedicato  e per le bellissime e interressanti spiegazioni.


                                                                                               

                                                                                             I RAGAZZI DEL SET

martedì 19 luglio 2016

VIolenza

19/7/2016 Violenza
Qualche volta sento al telegiornale, che ci sono delle violenze sulle donne e minorenni specialmente quelle.
Dopo dicono che sono ammalati, e quindi li interdicono e sono incapaci di tendere e volere.
Ma lo fanno perché hanno voglia di fare del male alle persone, e non sono ammalate come pensono gli altri.
Non son apposto ma bisogna curarli in qualche maniera, ma nessu ci e riuscito a farli guarire di questa malatia bisogna che loro per guarire una cura apposta.
Federico

La cresima e comunione della mia nipote

19/7/2016 La cresima e comunione della mia nipote
A maggio il giorno 8/5/2016 ha fatto la cresima e comunione, la mia nipote che si chiama Matilda.
Sono andato a messa e ho ascoltato la predica la messa, era stata molto lunga perché ora che aveva fatto tutti quanti ci voleva molto tempo.
Eravamo: io Federico, la mia mamma, il mio papà, la mia sorella le mie nipoti, il mio nipote, il miuo cognato e gli amici di Sovere con la figlia e il suo marito.
Dopo la messa siamo usciti dalla chiesa e siamo andati, a mangiare ad Angone in un ristorante che il proprietario si chiama Gabossi.
Abbiamo mangiato: gli affettati, gnocchi con verdura, pasta ai funghi come primi piatti serviti.
I secondi piatti  ci hanno fatto assaggiare un'pò di tutto, dopo come dolce c'era la torta al gelato alla fine abbiamo bevuto tutti il caffè e io macchiato.
Federico
 

FLORENCE DUTRUC ROSSET LASSASSINO DELA PORTA A CANTO

Montecchio 19 Luglio  2016 Martedì

C'è un  vicino che secondo il bambino ha  fatto a pezzi  in  corpo  e messo  nel sacco  va allunaparck e il bambino  lo vedce  torna a casa  e la notte  il bambino entra  ma non  vede nessun corpo  umano  a pezzi ansi  vede maschere  e maschere  perche   le a fate  il vicino  e ansi  alla fine  il bambino  scopre che  il  colpevole  è il vicino  anche se  non  centra nulla   ansi  gli da  una mano  a butar via i sacchi dello sporco ,  e da allora diventano  amici .

Ciao  da  Silvano .

Un saluto  a Puzetamen  da Silvano  e dai ragazzi del S.E.T.

FABRIZIO GATTI VIKI CHE VOLEVA ANDARE A SCUOLA ( STORIA VERA)

Montecchio  19 Luglio  2016  Martedì

Viki  fa parte di una  famiglia napoletana e  scappano  in  Italia  con la sua  famiglia  su un  battello  dove  ci sono tantissime persone  una ragazza  madre  incinta  viene buttata in mare per fare in modo  di far andare  piùveloce il battello  e quasi anche la  sorellina  viene buttata  in mare  ma poi ci ripensa e  non  lo fanno  più .
Vanno  in  Italia  senza passaporti  e solo il papà  ha il  passaporto  e i nonni napoletani  di Viki  gli  avevano dato  il libro  il  il Il piccolo Princ  e lo a perso  in mare ,  solo  che a  scuola  lo vede e vede che  in Italiano  è scritto  così  Il Piccolo Principe  : e lo legge  tutto  da solo  a  scuola  e poi  a casa  a sua sorella più piccola .  Leggetelo è molto bello  ciao  da Silvano .
Un saluto  a Balen  la strega  la  mia preferita  del blog .